Cultura

Il no alle ingiustizie e quel conflitto di princìpi irrisolti

25 novembre 2017

Soddisfazione e amarezza dopo la discussione, svoltasi l’altro giorno al Parlamento europeo sullo stato dell’applicazione della Ratifica della Convezione di Istanbul contro le violenze sulle donne nelle varie nazioni europee.

Questa Convenzione è molto importante perché per la prima volta  vincola giuridicamente gli stati a integrare prevenzione,  protezione,  azione penale e politiche: non si limita cioè ad un ammonimento, ad una generica  minaccia di sanzioni. 

Il principio che la ispira è che la violenza verso le donne e i minori rientra nella trasgressione dei diritti umani in quanto viola il principio di uguaglianza.

Il nostro Parlamento è stato tra i primi in Europa a ratificare il testo. Ricordo l’emozione di avere svolto la relazione in Senato, per conto della Commissione Esteri nel giugno del 2013, che espresse un voto favorevole all’unanimità.

A questa ratifica hanno fatto seguito interventi e iniziative efficaci come i trenta milioni stanziati, con l’incremento da trecentoquaranta del 2013 ai cinquecento di oggi per i centri antiviolenza. Uno sforzo congiunto attraverso una cabina di regia per coordinare  prevenzione e sostegno, dalla scuola alla polizia, ai pronti soccorso, al controllo sulla pubblicità. L’Italia è al primo e posto in Europa e “andare in Europa” con questo traguardo è una soddisfazione.

Ma sono tornata da Bruxelles anche con profondo sconforto per le resistenze enormi dei paesi dell’est che continuano a negare la ratifica della Convenzione. E mi ha ferito soprattutto la motivazione: le leggi contro la violenza minerebbero la stabilità della famiglia, intaccherebbero  le radici dei principi cattolici, minaccerebbero il cuore delle tradizione. Questo hanno ripetuto i parlamentari polacchi, attaccati dalle spagnole e le portoghesi.

Nelle sedi internazionali  questi scontri sono all’ordine del giorno: il conservatorismo misogeno e xenofobo di quelle culture si alimenta specularmente all’aggressività laicista che vuole  respingerlo.

E dunque mi ha colpito il disorientamento che ha colto queste parlamentari, specialmente le polacche, di fronte al mio intervento che invece di inorridire e mandarle a quel paese smontava la legittimità della loro visione proprio a partire dai loro e dai nostri   valori, dai  quei principi cattolici che se non hanno al centro il rispetto e la dignità della persona, non sono e non possono essere tali. Non hanno niente di cristiano, sono semplicemente “pagani”.   Una sorta di maurrassismo contemporaneo in salsa slava.

Così come la difesa della famiglia – dicevo loro - esiste   solo se si rafforzano relazioni affettive basate sulla libertà e la dignità della donna. Ricordando come siano proprio questi i principi del cristianesimo. E come li abbia proclamati con forza papa Woytila: parità e dignità della donna e “genio del femminile”.

Sono rimaste perplesse, di fronte a considerazioni per noi ovvie, che hanno toccato queste donne, che poi sono venute e cercarmi, a parlarmi senza arroccarsi. Non sono ingenua. Però questo può succedere quando non contrapponiamo loro con astio i nostri pur sacrosanti e irrinunciabili diritti umani, ma li promuoviamo in modo che non li sentano  algidi ed estranei.

Le polacche sono donne fiere e appassionate, oggi vittime delle deriva di un cattolicesimo nazionalista, xenofobo e misogeno  ma molte sono  coraggiose e autentiche. Infatti ancora peggio  succede negli altri paesi dell’est.

Il populismo europeo che avanza e minaccia l’Europa sta usando questi temi, queste paure, queste donne.